Martedì, 17 Maggio 2022 07:25

UN NUOVO RUCHÈ SI UNISCE ALLA FAMIGLIA: IL CASTELLETTO DI MONTEMAGNO RISERVA

Dopo sette anni, si conclude l’ultimo progetto di Ferraris Agricola: il Castelletto di Montemagno Riserva. Un sogno e un vino che conta un investimento da 520.000 euro.

Il Castelletto di Montemagno Riserva è infatti un vino nato da un appezzamento di sei ettari, nel 2015, coperto da rovi e sterpaglie e abbandonato da tempo. Un terreno, però, in cui Luca Ferraris ha visto un’opportunità. Il percorso è stato lungo, a partire dalla riqualifica del territorio, fino all’impianto della vigna e la sua coltivazione.

L’appezzamento, situato tra Viarigi e Montemagno, gode di un microclima perfetto che permette la nascita di acini più piccoli e colorati. Il risultato è un vino dal grande carattere, che Ferraris Agricola ha scelto di affinare per 12 mesi in tonneaux e altri 12 mesi in bottiglia.

Il Castelletto di Montemagno Riserva DOCG è così equilibrato e di carattere, capace di rispondere alle esigenze di chi cerca un Ruchè, con i suoi sentori fruttati, e chi un grande vino rosso, che sa resistere nel tempo, ma dai tratti unici. 

 

Il progetto Castelletto di Montemagno, per Ferraris Agricola, non è solo un vino ma l’ultima tra tante azioni sul e per il Monferrato. Il passaggio dalla sterpaglia alla vigna non si traduce solo con una nuova etichetta ma come un progetto atto a migliorare l’estetica di un territorio e la sua fruibilità. 

 

Presentato in anteprima assoluta al Vinitaly 2022, oggi è disponibile in esclusiva per i membri del WineClub. Registrarsi è gratis.

Clicca qui per avere maggiori informazioni.

Letto 66 volte